8.4.16

zuppa del pirata

(originariamente è una ricetta del cucchiaio d'argento)

500 gr di cozze
300 gr di moscardini
300 gr di polpo
300 gr di seppie o calamari
300 gr di vongole
1 peperone rosso
1 peperone verde
4 spicchi d'aglio
1 bicchiere di vino rosso
1/2 bicchiere di rhum (MEZZO bicchiere!)
1 bicchiere di olio
sale
pepe
erbe aromatiche (origano, erba cipollina, basilico, timo, maggiorana... quel che c'è)
1 peperoncino (se si può).

LAVARE, PULIRE, TAGLIARE a dadini i peperoni. TRITARE l'aglio e le erbe aromatiche. In una pentola di coccio abbastanza grande fare CUOCERE il tutto (anche il peperoncino se lo volete) a fuoco medio insieme a vino e olio per 10 minuti. Nel frattempo tagliare a pezzi grossolani tutto quello che lo richiede. AGGIUNGERE moscardini, seppie, calamari e polpo insieme al rhum e lasciar andare per 30 minuti con la pentola coperta. VERIFICARE la cottura del tutto (specialmente il polpo) e AGGIUNGERE i gusci mescolando senza pietà le povere creature ancora vive che moriranno annegate in un brodetto saporito (sempre che non siano morte già prima a causa dell'acqua gelata del lavandino o dei vapori bollenti). Dopo 5 minuti, SALARE e PEPARE al bisogno. SERVIRE subito anche con fette di pane tostato e agliato.

PS: Io a volte aggiungo l'acqua e poi mi pento.
PPS: Anche se non c'è il peperone verde, si può fare con quello giallo.
PPS: oggi l'ho fatto con il cous cous e mettendo un intero peperoncino di sangay.